Viaggio nel destino – prima parte

vnd-1-001-rid

Una storia privata

Testo di Francesco Alessandrini – Udine –2009

Compra il libro (Italiano 2013) LaFeltrinelli

Compra il libro (Italiano 2013) Ilmiolibro

Ognuno di noi ha un destino.

In genere non ci è noto ma, se siamo capaci di ascoltarci e di interpretare quello che ci succede, talvolta captiamo delle indicazioni che tentano di allinearci ad esso.

Questo libro fa parte del mio destino, che è sostanzialmente un destino di conoscenza.

Da circa due anni dei Maestri di Luce di alto livello mi trasmettono delle informazioni che io regolarmente trascrivo, con lo scopo di apportare prima di tutto a me e poi a chi mi sta vicino una conoscenza nuova e al contempo antichissima.

Questo libro, che è intersecato temporalmente con un secondo a contenuto più pubblico, racconta l’inizio e lo sviluppo di una storia “privata”, volendo con ciò indicare che il contenuto riguarda essenzialmente me e le persone a me vicine; parla dunque del destino di un numero limitato di persone che però, a livello di esempio, interessa tutti gli uomini della terra. In esso viene sviluppato un percorso di graduale conoscenza di un sapere che riguarda l’uomo ma che non è umano.

Grazie ai Maestri ho avuto la possibilità di vedere dall’ “alto” la mia vita e quella di tante persone vicine e lontane: un punto di vista nuovo, eccezionalmente allargato rispetto a quello degli uomini, spesso incomprensibile e illogico.

Eppure la profondità percepita in quelle affermazioni, oltre ad accontentare talvolta la mia curiosa mente, mi ha trasmesso la certezza dell’esistenza di un mondo incredibilmente più grande di quello che in genere gli umani sono abituati a sentire e considerare.

Il libro riporta la descrizione di un complesso e spezzettato itinerario di conoscenza, un vero e proprio percorso educativo, a cui i Maestri mi hanno sottoposto per cercare di maturare, prima di tutto in me, sensibilità e conoscenze non comuni.

In esso attraverso molteplici aspetti della vita privata mia e di persone vicine o conoscenti, delle loro problematiche e malattie; ne analizzo le cause, contenenti un’origine spesso correlata ad eventi di altre vite, e le possibili vie d’uscita. Imparo gradualmente dei nuovi metodi curativi e racconto lo sviluppo delle terapie a cui vengo sottoposto e quelle a cui sottopongo chi si affida a me. Dallo spunto dato da problemi specifici, vengono estratte delle considerazioni generali sull’uomo, spesso perle di rara e sconosciuta saggezza.

Si assiste a un caleidoscopico rincorrersi di argomenti, spesso interrotti e ripresi più avanti, che ripropone nella forma del diario il percorso educativo non lineare a cui sono stato sottoposto.

Alla mia domanda, segue sempre la risposta dei Maestri, la cui complessità spesso richiede un mio successivo chiarimento, indicato come “gestione della risposta”. La spiegazione della risposta è stata prima di tutto una mia esigenza e ha permesso alla mia mente di chiarire e di apprezzare la grandiosità degli insegnamenti che via via mi venivano donati.

Il nucleo di questo percorso educativo è la comprensione della necessità di un nostro continuo cambiamento, essenziale all’evoluzione: “La disposizione al cambiamento alimenta la vera guarigione”.